Il comune di Sant'Angelo a Scala sorge nell'area del Parco del Partenio. È un borgo di 741 abitanti, situato a 582 metri sul livello del mare e a 10 km da Avellino. Il territorio si estende per 10,75 km² e i comuni confinanti sono: Altavilla Irpina, Capriglia Irpina, Grottolella, PietrastorninaSummonte.
L'etimologia del nome si riferisce, nella prima parte, al culto per il Santo Patrono, mentre la specifica "a Scala" potrebbe derivare dalla conformazione delle montagne che circondano il paese, oppure da una piccola strada, ripida come una scala, che, in passato, collegava il borgo a un antico edificio religioso situato più a monte. Gli abitanti sono detti santangiolesi e San Michele Arcangelo è il loro patrono.
 

LUOGHI DI INTERESSE

  • Chiesa di San Giacomo Apostolo - Costruita nel XIV secolo, svolse un ruolo monastico fino al Seicento: si distingue ancora oggi per la facciata e per la torre campanaria posta sul lato sinistro dell'edificio
  • Santuario di San Silvestro Papa - Piccola chiesa arroccata su una guglia rocciosa, alle pendici del Monte Vallatrone: è affiancata da una grotta con acqua dalle proprietà terapeutiche
  • Palazzo Carafa - Maestosa dimora dei signori di Sant'Angelo a Scala
  • Area Castellare - Sito su cui, un tempo, sorgeva il castello medioevale, ubicato in posizione di dominio della valle sottostante
  • Eremo Camaldolese dell'Incoronata - Convento risalente al XVI secolo, di cui oggi restano alcuni ruderi
  • Grotte paleocristiane - Situate in località Malfedana, testimoniano la presenza di civiltà nel periodo tardo-romano
  • Percorsi naturalistici - Sentieri che conducono alle principali attrazioni del paese, tra cui le varie grotte presenti nel Parco Regionale del Partenio
  • Sorgenti - Corsi d'acqua che attraversano il territorio comunale: Sorgente Santuario San Silvestro, Sorgente Incoronata, Sorgente Fontanella, Sorgente San Giacomo
     

EVENTI

  • Incendio del Campanile - Spettacolo di fuochi pirotecnici, in programma nel mese di agosto
  • Pope Art Festival - Rassegna teatrale e musicale che coniuga divertimento, senso civico e devozione religiosa
  • Corri tra la natura del Parco Partenio - Gara di trail-running, in programma nel periodo estivo
  • Fiaccolata di San Silvestro Papa - Evento religioso, in programma nel mese di agosto
  • Processione di San Michele Arcangelo - Celebrazioni in onore del Santo Patrono, in programma nella seconda domenica di agosto
     

PIATTI E PRODOTTI TIPICI

  • Miele - Parte integrante della cultura e della storia delle popolazioni locali. È prodotto nell'area del Partenio in diverse tipologie: Miele di Asfodelo, Miele di Borragine, Miele di Cardo e Miele di Rovo, tutti riconosciuti come PAT 
  • Tartufo Nero del Partenio - Pregiatissimo prodotto in cui si ritrovano i profumi del sottobosco
  • Fiano di Avellino DOCG - Uno dei più pregiati vini bianchi d’Italia e del mercato internazionale
  • Castagne - Produzione molto caratteristica delle montagne che circondano il borgo
  • Nocciola - Forte presenza della coltivazione del nocciolo, esistente in Campania già in età romana
  • Caciocavallo Silano DOP - Formaggio semiduro, a pasta filata, prodotto con latte di diverse vacche, tra cui la podolica 
     

CURIOSITÀ

Secondo alcune fonti, nel 1476, Papa Paolo IV, al secolo Gian Pietro Carafa (1476-1559), nacque all'interno di Palazzo Carafa, situato proprio nel territorio santangiolese. 
Sant'Angelo a Scala si è fregiata del titolo di "Paese dei Due Papi": oltre alla figura del pontefice di origini santangiolesi, infatti, vi è una devozione nei confronti di San Silvestro Papa (285-335), ancora oggi ben radicata.
Il borgo è noto per aver dato i natali a Pietro Auletta (1698-1771), noto compositore italiano.
 

CENNI STORICI

I primi insediamenti nel territorio di Sant'Angelo a Scala vanno ricercati nell'antica città tardo-romana di  Ascula e nella Chiesa di San Michele di origine longobarda, oggi rimpiazzata dal Santuario di San Silvestro Papa.
La storia del borgo è legata, indissolubilmente, alla famiglia Carafa e alla figura di Papa Paolo IV, che fece edificare, a Sant'Angelo a Scala, un monastero intitolato alla Madonna dell'Incoronata.
Il culto religioso, da sempre molto radicato presso la comunità santangiolese, subì un duro colpo agli inizi dell'Ottocento, quando il Monastero dell'Incoronata fu distrutto e ridotto a rudere per aver ospitato il colonnello borbonico Michele Pezza, meglio noto come Fra Diavolo, catturato dalle truppe bonapartiste di Joseph Léopold Sigisbert Hugo, padre del celebre scrittore francese Victor Hugo (1802-1885).

 

Per una vacanza dolce e ecosostenibile Sant'Angelo a Scala è un invito da trascorrere in compagnia, camminando lentamente, per scoprire le particolarità e l’umanità lungo il suo tragitto
Video
Distretto di riferimeno
Distretto:
DISTRETTO 4
Indirizzo
Dove:
Piazza San Giacomo, 1, 83010 Sant'Angelo a Scala AV, Italia
Vai alla mappa visualizza in mappa
Mappa
Poligono GEO

Sant'Angelo a Scala

Piazza San Giacomo, 1, 83010 Sant'Angelo a Scala AV, Italia

Eventi

Luoghi da non perdere

Indirizzo Piazza San Giacomo, 83010 Sant'Angelo a Scala AV, Italia

Piazza San Giacomo, 83010 Sant'Angelo a Scala AV, Italia

Costruita nel XIV secolo, si distingue per la facciata e per la torre campanaria posta sul…

Indirizzo Località Monte San Silvestro, 83010 Sant'Angelo a Scala AV, Italia

Località Monte San Silvestro, 83010 Sant'Angelo a Scala AV, Italia

Piccola chiesa arroccata su una guglia rocciosa, alle pendici del Monte Vallatrone affiancata…

Indirizzo Corso Europa, 30, 83010 Sant'Angelo a Scala AV, Italia

Corso Europa, 30, 83010 Sant'Angelo a Scala AV, Italia

Maestosa dimora dei signori di Sant'Angelo a Scala

Ti è piaciuto? Lascia una recensione!

La tua opinione è importante! Sarà visibile dopo approvazione dalla redazione.

Per inserire un commento devi essere un utente autenticato. Esegui accesso con Social Login

In cima